menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Rho Today

'Ndrangheta: arrestato Luigi Addisi, ex consigliere del Pd a Rho

Addisi è stato arrestato nella mattinata di martedì 28 ottobre con l'accusa di riciclaggio e abuso d'ufficio con l'aggravante di aver favorito l'associazione mafiosa

Luigi Addisi in una foto su Fb

Martedì 28 ottobre, nell’ambito dell'operazione «Quadrifoglio», condotta dai Ros dei carabinieri e diretta dal procuratore aggiunto Ilda Boccassini e dai sostituti Francesca Celle e Paolo Storari, è stato arrestato anche Luigi Addisi, ex consigliere comunale rhodense del Partito Democratico. È accusato di riciclaggio e abuso d’ufficio con l’aggravante di aver favorito l’associazione mafiosa. 

L’arresto di Addisi ruota intorno al tentativo di avviare una speculazione immobiliare a Lucernate (frazione di Rho) in cui figurano altri due arrestati nell’operazione «Quadrifoglio»: Antonio Galati, Franco Monzini e Luigi Vellone. I carabinieri hanno documentato come Galati, tramite gli imprenditori Monzini e Vellone, abbia finanziato con 300mila euro di illecita provenienza l’acquisto di un terreno a Lucernate con lo scopo di edificare un vasto complesso abitativo. Secondo quanto emerso dalle indagini Addisi avrebbe mediato i rapporti tra Galati e gli altri due imprenditori. Non solo: «L’ex amministratore — specificano i militari in una nota —, direttamente interessato all’esito della speculazione per avervi investito un’ingente somma di denaro, aveva peraltro favorito l’approvazione di una variazione di destinazione d’uso del terreno, superando i preesistenti vincoli di edificabilità»,

Addisi, imparentato tramite la moglie con alcuni esponenti di vertice della cosca Mancuso di Limbadi (VV), aveva lasciato la carica di consigliere comunale nell'aprile di quest'annoAveva presentato le dimissioni dopo il "polverone" alzatosi in seguito alla pubblicazione — da parte del centro sociale Fornace — di una telefonata con Ernesto Palermo, amministratore lecchese arrestato nel corso dell’operazione «Metastasi».

La sezione rhodense del partito democratico aveva fatto quadrato attorno al consigliere dimissionario. Non era la prima volta che nome del consigliere compariva in alcune intercettazioni. Nel 2012, nell’ambito dell’operazione Grillo Parlante (la stessa che fece scattare le manette per l’ex assessore regionale Zambetti), fu citato durante una conversazione tra Marco Scalambra e Eugenio Costantino, anch’essi arrestati durante la medesima operazione. 

Addisi si è sempre dichiarato estraneo alle vicende. «Sono una persona pulita e perbene, sfido chiunque a dimostrare il contrario — dichiarò a MilanoToday nel novembre 2012 —. Quello che è in atto nei miei confronti è un atto di puro sciacallaggio politico al solo scopo di distruggere la dignità di un uomo per bene, reo di aver sposato un'altra persona per bene i cuoi parenti della madre non sono proprio dei 'fiorellini’».

Potrebbe interessarti

Commenti

    Più letti della settimana

    • Cronaca

      Ucciso a coltellate fuori dal kebab: arrestato il killer, è il cugino della vittima

    • Cronaca

      Sciopero Trenord, Trenitalia e Italo il 24 e 25 maggio: stop di 21 ore ai treni e rischio caos

    • Cronaca

      Tromba d'aria con forte grandine tra Sudmilano e alto Pavese

    • Cronaca

      Sciopero treni, 21 ore di stop per Trenord, Trenitalia e Italo: orari e fasce di garanzia

    Torna su