RhoToday

Bollate va al ballottaggio, l'analisi di un'elezione con pochi votanti

Vassallo e Lorusso vanno al ballottaggio dopo un'elezione che ha visto più della metà dei bollatesi disertare le urne: solo il 49,57% è andato a votare. Ecco cosa raccontano i dati emersi dalle urne

I risultati delle elezioni di Bollate

Le elezioni a Bollate svoltesi domenica 31 maggio non hanno decretato al momento un vincitore perché si andrà al ballottaggio tra il sindaco uscente Stefania Lorusso (coalizione di centrodestra) e il candidato sindaco di centrosinistra Francesco Vassallo. E sarà una sfida apertissima, probabilmente all'ultimo voto.

Il ballottaggio si terrà tra due settimane e allora c'è tutto il tempo per analizzare i dati, stringere alleanze e riformulare obiettivi di mandato e coalizioni.

Il primo dato che colpisce è quello dell'affluenza, fermo al 49,57%, sotto la soglia della metà dei cittadini aventi diritto. Quali le cause? Il lungo ponte del 2 giugno, il distaccamento dei cittadini dalla politica o il fatto che si sia votato soltanto di domenica. Tutte risposte plausibili, ma il dato rimane ed è indicativo: il futuro sindaco di Bollate sarà eletto da una "minoranza" di elettori.

Poi ci sono i voti: Francesco Vassallo con la sua coalizione ha preso il 32,01% delle preferenze, seguito dal sindaco uscente Stefania Clara Lorusso (la sua coalizione è arrivata al 29,87%). Sul podio arriva il candidato sindaco del MoVimento 5 Stelle Massimiliano Mantovani con il 16,25& delle preferenze.

Dietro, ma molto distanziati, il candidato di sinistra Pierluigi Catenacci (6,36%) con la sua civica "Un'altra Bollate" e il candidato di centrodestra Ercole Dusi (6,29%) con la civica "Gente di Bollate". Proprio queste due liste saranno oggetto di corteggiamento per il futuro ballottaggio, anche perché è noto che il MoVimento 5 Stelle non fa apparentamenti, quindi molto probabilmente lascerà libertà di voto ai propri elettori.

Solo le briciole raccolgono invece gli altri tre candidati sindaci Elena Spandre (Fratelli d'Italia) col 2,67%, Ubaldo Bartolozzi (civica "Impegno per Bollate") col 3,71% e Tommaso Guarro (1,23%) col Partito dei Pensionati.

Coalizioni a parte, passando ai voti per i singoli partiti invece spicca il Partito Democratico col 27,22% delle preferenze, seguito a sorpresa dal MoVimento 5 Stelle, secondo partito di Bollate alla sua prima apparizione sulla scena politica cittadina, col 16,3%. Al terzo posto la Lega Nord col 12,33% dei voti, vero traino della coalizione del sindaco Lorusso.

​Note dolenti per Forza Italia al 6,13%, così come per Sel al 2,93% e la civica "Bollate Insieme" (i cui voti avevano pesato eccome nelle ultime elezioni) che raccoglie soltanto l'1,72%.

In ultima analisi i consiglieri più votati: i due leghisti e assessori Fabio Boniardi (266) e Carlo Vaghi (243) hanno raccolto molte preferenze; bene anche il consigliere comunale Alberto Grassi del Pd (207), mentre spicca ed entra in consiglio comunale per la prima volta la giovane Ilenia Lovato (184 voti) per il MoVimento 5 Stelle.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scuola e Coronavirus: "Incalzata, la ministra Azzolina ha abbandonato la chat. Surreale"

  • Coronavirus, mascherine gratis in Lombardia: ecco dove ritirarle, a Milano sono 900mila

  • "Sono affamato": l'Esselunga gli regala la spesa, e lui sputa in faccia al vigilante

  • Coronavirus, a Milano continuano a crescere i contagi. Oltre 9mila morti in tutta la Regione

  • Coronavirus, a Milano 411 nuovi positivi in 24 ore: "La curva dei contagi è preoccupante"

  • Coronavirus, 99 malati in più a Milano nelle ultime 24 ore. «Serve ultimo sforzo»

Torna su
MilanoToday è in caricamento