RhoToday

Grassi dà il via alla messa in sicurezza delle facciate di cinque edifici comunali

Gli edifici oggetto del restyling sono l'ex Municipio, il comando di polizia locale, la Casa dell'aquilone, il cimitero Cassina Nuova e l'ex scuola di Castellazzo. L'amministrazione comunale: «No a grandi opere faraoniche, ma manutenzione dell'esistente»

Alberto Grassi, vice sindaco di Bollate

Per l'amministrazione comunale di Bollate la sicurezza è una priorità. Questo vale per le strade, ma vale anche per la stabilità degli edifici comunali e delle loro facciate.

No a grandi opere faraoniche, ma manutenzione dell'esistente è la scelta presa. Così la spiega il vice sindaco Alberto Grassi: «Negli anni precedenti si sono verificati importanti distaccamenti di intonaci ed elementi non strutturali, caduti non solo all'interno delle aree comunali, ma anche in vie di pubblico passaggio».

Contestualizza Grassi: «Ad esempio due anni fa, in via Ambrogio da Bollate, si era distaccato dalla facciata del comando di polizia locale un intonaco di un sottogronda sul marciapiede. Il peso dell'intonaco caduto sul marciapiede sarebbe stato sufficiente a ferire un pedone di passaggio. Altri episodi di questo tipo sono avvenuti in altre vie della città come in piazza Marx con la caduta di intonaco dalla Casa dell'Aquilone, dove svolgono le loro attività ragazzi diversamente abili. Per questo abbiamo deciso di investire per la messa in sicurezza di 5 edifici comunali».

Ecco gli edifici coinvolti: ex Municipio, comando polizia locale, Casa dell'aquilone, cimitero Cassina Nuova, ex scuola di Castellazzo.

Tre le fasi dell'intervento: si è cominciato con la verifica degli elementi pericolanti, si è proseguito con la rimozione e si conclude con il ripristino della porzione rimossa.

Le prime due fasi sono state svolte in tutti e 5 edifici, mentre l'ultima fase di ripristino è stata svolta presso il cimitero di Cassina Nuova che è risultato quello con maggiori criticità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Conclude Grassi: «Le facciate di questi edifici sono risultate pericolose in diversi punti e porzioni consistenti sono state rimosse. Questi edifici comunali sono ora in sicurezza, nessun episodio come quelli avvenuti negli anni passati potrà riaccadere».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quando si azzerano i contagi a Milano e in Lombardia: le prime previsioni

  • Milano, si tuffa nel Naviglio asciutto per scappare dalla polizia e si rompe una gamba

  • Autostrada A4 bloccata tra Milano e Bergamo, controlli per il coronavirus: la coda è infernale

  • Coronavirus, il contagio non si ferma: Milano sfonda quota 3mila, in Lombardia +2.400 casi

  • Coronavirus, quando finisce quarantena? "Le misure saranno allungate oltre 3 aprile"

  • Milano, volanti all'inseguimento di uno scooter: finisce con un incidente e un arresto

Torna su
MilanoToday è in caricamento