RhoToday

Via Risorgimento: pugno duro della polizia contro prostitute e ladri

Negli ultimi sei mesi sono state allontanate diverse prostitute dalla zona industriale. In calo i furti. Gallo: "Situazione sempre sotto osservazione"

Via Risorgimento

Sei mesi fa gli industriali di Rho avevano incontrato il questore di Milano. Gli imprenditori lamentavano due problemi: furti e presenza di prostitute nella zona di via De Gasperi. Ora tutto sembra essersi risolto. Lo afferma Carmine Gallo, commissario di polizia di Rho, in una nota diffusa agli organi di informazione. 

Una volante dedicata esclusivamente alla zona industriale di Mazzo. Il Questore subito dopo l’incontro implementò l’organico del commissariato inviando diversi uomini, tutti impiegati per aumentare il numero di volanti sul territorio. Per le strade di Rho, in certi momenti, sono presenti 3 o 4 volanti di cui una dedicata esclusivamente alla zona industriale. I furti nell’ultimo periodo sono diminuiti “Certo il problema non è eliminato ma sicuramente è stato arginato ed è costantemente sotto osservazione”, scrive il commissario.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Sul fronte prostitute, invece, possiamo affermare che il problema richiamato dal Comitato è stato risolto, nel senso che non ci sono più prostitute”, continua Carmine Gallo. Le meretrici sono state controllate e allontanate più volte dal territorio Rhodense. Anche l’ordinanza anti-prostituzione emessa dal sindaco di Rho, Pietro Romano, ha favorito questo risultato. “Certo è che il problema non è risolto in quanto la zona va  sempre tenuta sotto controllo affinché non si ripresentino situazioni analoghe, ma faremo come sempre la nostra parte. Le pattuglie — conclude il commissario — continueranno sempre a svolgere i loro controlli costanti nella zona industriale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È morto John Peter Sloan, l'insegnante d'inglese più simpatico e famoso d'Italia

  • Spostamenti fuori regione dal 3 giugno: la Lombardia rischia di rimanere chiusa altre 2 settimane

  • Coronavirus, bollettino: altri 285 casi. "Nessun decesso segnalato" in Lombardia in un giorno

  • Esibizione Frecce Tricolori in Lombardia: video e immagini esibizione lunedì 25 maggio

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia e a Milano: continuano a salire i contagi +382

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia: 38 morti e +354 positivi, il 70% dei nuovi casi in Italia

Torna su
MilanoToday è in caricamento