RhoToday

Via Risorgimento: imprenditori, politici e forze dell'ordine fanno il punto sulla sicurezza

L'incontro si è svolto martedì scorso. Il questore ha annunciato lo spostamento del commissariato nell'ex sede del Rebora.

Via Risorgimento

Forze dell'ordine, imprenditori e politici locali si sono seduti attorno ad un tavolo per fare il punto sulla situazione di sicurezza della zona industriale di Mazzo. All'incontro, convocato dal primo cittadino rhodense e da Luigi Savina, questore di Milano, hanno partecipato diverse autorità tra cui: il tenente colonnello Gerardo Petitto, comandante del gruppo carabinieri di Monza, il capitano Andrea Domenici ed il Maresciallo Luigi Pino della compagnia dei carabinieri di Rho, il vice commissario Carmine Gallo del commissariato Polizia di Stato Rho - Fiera, il comandante della Polizia Locale Antonino Frisone e l’Assessore alla sicurezza del comune di Rho Saverio Viscomi.

Gli imprenditori hanno evidenziato i problemi ricorrenti sulla sicurezza, tra cui principalmente i furti con gravi danneggiamenti, soprattutto di cavi di rame, la presenza crescente di insediamenti abusivi, la prostituzione. Durante l’incontro il questore e il comandante del gruppo carabinieri hanno riassunto i risultati ottenuti con il rafforzamento dei pattugliamenti e lo sgombero dell'insediamento abusivo dietro il carcere di Baranzate, dove sono state allontanate oltre 80 persone in modo definitivo in seguito ai provvedimenti di assistenza per i soggetti deboli attuati dal comune di Milano e a provvedimenti delle forze dell'ordine verso i soggetti con precedenti o procedimenti in corso.

Non solo: agli imprenditori sono stati anche illustrati i miglioramenti futuri, con il rafforzamento degli organici e l'insediamento del commissariato Fiera nell'ex liceo classico Rebora a Mazzo.

“Sono molto soddisfatto dell’incontro, che per la prima volta ha visto allo stesso tavolo i massimi vertici delle forze dell’ordine per discutere dei problemi e di come garantire maggiore sicurezza nelle nostre zone industriali da tempo bersaglio di furti — ha dichiarato Pietro Romano, sindaco di Rho —. In questi mesi sono state intensificate azioni di sorveglianza da parte dei carabinieri, polizia di stato e polizia locale, che ringrazio per il lavoro che stanno svolgendo. È stato effettuato a luglio lo sgombero dell’insediamento abusivo nei pressi del carcere di Bollate all’interno del complessivo progetto adottato dal Comune di Milano. Il questore — prosegue Romano — ha preannunciato il rafforzamento a breve in termini di personale della Polizia di Stato con l’incremento di dieci uomini e quindi di pattuglie. Ha garantito tutti i suoi sforzi per portare a compimento il progetto del nuovo commissariato nella sede, che ospitava il Liceo Rebora. Per questo obiettivo il Comune di Rho ha già deliberato la messa a disposizione di quella sede. Si tratta di trovare ora le necessarie risorse per adattarlo a sede del commissariato. L’incontro — ha concluso il primo cittadino — è stato certamente positivo e apprezzato dai presenti, che hanno riconosciuto il miglioramento delle condizioni di sicurezza, anche se c’è ancora molto da fare.”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È morto John Peter Sloan, l'insegnante d'inglese più simpatico e famoso d'Italia

  • Spostamenti fuori regione dal 3 giugno: la Lombardia rischia di rimanere chiusa altre 2 settimane

  • Coronavirus, bollettino: altri 285 casi. "Nessun decesso segnalato" in Lombardia in un giorno

  • Esibizione Frecce Tricolori in Lombardia: video e immagini esibizione lunedì 25 maggio

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia e a Milano: continuano a salire i contagi +382

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia: 38 morti e +354 positivi, il 70% dei nuovi casi in Italia

Torna su
MilanoToday è in caricamento