menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Rho Today

Nerviano: partita la 1001 miglia

Trecentotrenta ciclisti hanno preso il via alla randonnèe più lunga d'Europa: 1600 chilometri attraverso sette regioni. Il primo è atteso nella serata di domenica.

Alcuni ciclisti al chilometro zero

Al calare della sera i trecentotrenta ciclisti della 1001 miglia hanno acceso le luci sulle loro biciclette e hanno lasciato Nerviano. Ora dovranno vivere la loro avventura lunga 1600 chilometri, che si snoda per ben sette regioni, attraversando centosessantatré comuni. Secondo l'organizzazione il primo ciclista taglierà il traguardo di Nerviano domenica sera, con all'attivo solo qualche ora di sonno; l'ultimo è atteso un giorno e mezzo dopo.

Tante le 'sfumature' di bicicletta utilizzate. I telai da corsa, con o senza protesi, vanno per la maggiore. Tuttavia non mancano gli 'outsider'. Una coppia italiana ha preferito il tandem e qualche americano si è presentato alla partenza con la bicicletta reclinata. È il caso di Marcello Napolitano che dall'Oregon è arrivato in Italia per percorrere la 1001 miglia sdraiato sulla sua schiena. Se gli si chiede perché ha scelto quella strana bicicletta per percorrere così tanti chilometri risponde in un italiano impeccabile: "È comodissima, soprattuto per percorrere distanze così lunghe".

Una competizione internazionale. Al via erano più stranieri che italiani. Da tutto il mondo per percorrere "La randonnèe più lunga d'Europa nel paese più bello del mondo", come ama descriverla Fermo Rigamonti, ideatore della manifestazione. Alla partenza c'erano anche due Nervianesi: Paolo Mancini e Mino Repossini.

Una manifestazione non per tutti. Chi riuscirà a concludere la 1001 miglia avrà tutte le carte in regola per poter prendere parte alla randonneè più lunga del mondo: la Race across America. Una corsa che si snoda dal Pacifico all'Atlantico, per un totale di cinquemila chilometri. Qualcuno, però, l'ha già fatta. È il caso di Luigi Barillari che lo scorso mese di giugno ha percorso la traversata. "Non so se riesco a concludere questa edizione della 1001 miglia, sono ancora un po' stanco", ha dichiarato a MilanoToday. Noi comunque lo aspetteremo fiduciosi al traguardo.

Potrebbe interessarti

Commenti

    Più letti della settimana

    • Cronaca

      Sciopero Trenord, Trenitalia e Italo il 24 e 25 maggio: stop di 21 ore ai treni e rischio caos

    • Cronaca

      Tromba d'aria con forte grandine tra Sudmilano e alto Pavese

    • Cronaca

      Sciopero treni, 21 ore di stop per Trenord, Trenitalia e Italo: orari e fasce di garanzia

    • Incidenti stradali

      Incidente a Noviglio, schianto all’alba sulla provinciale: morto un ragazzo di 26 anni

    Torna su