RhoToday

Il progetto Melo trasformerà Rho in una città laboratorio

Gianluigi Forloni“Partecipare alla sperimentazione di regione Lombardia significa per il comune di Rho avvicinarsi sempre più alla creazione di una “città sostenibile”

Gianluigi Forloni, assessore all'ambiente

Rho pensa come una città del futuro. Il comune di Rho ha aderito alla sperimentazione proposta da regione Lombardia per il progetto “Grande Melo”, ovvero: mobilità ecologica in Lombardia. L’obiettivo del progetto è uno solo: sviluppare un sistema di mobilità elettrica integrato, un ventaglio di sottosistemi tecnologici e gestionali in almeno venti città lombarde.

Il progetto parteciperà al bando del ministro dell’istruzione, università e ricerca “per la presentazione di idee progettuali per smart cities and communities and social innovation”. Con questo bando il Ministero punta a sostenere lo sviluppo di modelli innovativi finalizzati a dare soluzioni a problemi di scala urbana tramite un insieme di tecnologie, applicazioni e modelli di integrazione ed inclusione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Partecipare alla sperimentazione di regione Lombardia significa per il comune di Rho avvicinarsi sempre più alla creazione di una “città sostenibile” dove l’utilizzo delle nuove tecnologie a basso impatto ambientale in questo caso che riguardano la mobilità elettrica, serva per il miglioramento della qualità della vita — ha dichiarato Gianluigi Forloni, assessore all’ambiente —. D’altra parte il ricorso ad energie pulite, rinnovabili e sostenibili dal punto di vista ambientale ha portato il comune di Rho ad aderire al Patto dei sindaci con conseguente impegno alla predisposizione e redazione del Paes. La città — prosegue Forloni — può essere sostenibile per gli aspetti ambientali ma anche tecnologici, aderire quindi ai progetti che spingono verso le “smart cities” permetterà all’amministrazione comunale di implementare la e-democracy con il ricorso a tecnologie intelligenti, per ottimizzare il tempi della città anche attraverso la digitalizzazione degli atti e documenti amministrativi, oltre alla creazione di quartieri “wi-fi free”innestando così meccanismi di crescita intelligente nell’ambito dello sviluppo urbano della nostra città”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'allarme dei medici di Milano: "Prepararsi a stagione influenzale o sarà crisi"

  • Milano, folle abbandona la mamma sull'A7, poi picchia un tranviere e si mette a guidare il tram

  • Accoltellato sull'autobus a Milano, 23enne gravissimo in ospedale

  • Follia alla Darsena: due ragazzi gettano in acqua un venditore di rose e poi scappano

  • Covid, nuova ordinanza sulle mascherine in Lombardia: quando è obbligatoria, quando no

  • Coronavirus, nuovo decreto su mascherine, discoteche e voli: che cosa (non) cambia dal 14 luglio

Torna su
MilanoToday è in caricamento