RhoToday

Anche Lainate ospiterà 16 profughi

Lainate risponde all'appello di solidarietà e accoglie un gruppo di profughi, tutti ragazzi tra i 18 e i 30 anni, in città. Da mercoledì si trovano nella Residenza Sanitaria Anziani di via Marche

Lainate risponde all’appello di solidarietà e accoglie un gruppo di profughi in città. Sedici ragazzi, tra i 18 e i 30 anni circa, tutti provenienti dall’Africa Occidentale (15 dal Mali ed uno dal Benin).

L’Amministrazione comunale ha accolto positivamente il piano di solidarietà nazionale ai profughi coordinato dal Ministero degli Interni e dalla Direzione Sociale dell’Azienda sanitaria locale (ASL) che hanno individuato la struttura della Residenza Sanitaria Anziani di via Marche come la più adeguata ad accogliere alcune persone.

Da mercoledì, difatti, sono ospitati nell’ala ancora libera della struttura, spazio indipendente dal resto che sarà dedicato al futuro Hospice.

Immediata è scattata l’attivazione del Settore Servizi Sociali per disporre la dovuta accoglienza che sarà garantita (oltre che con la collaborazione di Coopselios che già gestisce la struttura), grazie l’intervento operativo ed organizzativo di Sercoop, della Cooperativa Intrecci e di altri operatori che lavorano sul territorio.

Saranno loro a seguire giorno per giorno gli ospiti, a supportarli nei vari adempimenti burocratici presso la Prefettura di Milano, ad accompagnarli nei loro trasferimenti presso strutture sanitarie. E’ già stata individuata anche la figura di un mediatore culturale che fungerà da interfaccia tra Amministrazione ed ospiti.

Dopo l’estate saranno attivati corsi di lingua italiana (i ragazzi parlano tutti il francese) e avviata la programmazione di progetti di inserimento ed integrazione in Italia.

“I 16 ragazzi arrivati a Lainate fanno parte di un gruppo di 50 profughi che in pullman da Campobasso hanno raggiunto la nostra città prima di essere smistati, grazie alla collaborazione della Protezione Civile, nei Comuni di Rho, Como e Buccinasco”, tiene a precisare il vicesindaco Claudia Cozzi.

“A Lainate potranno soggiornare tra i tre ed i sei mesi. Per ognuno di loro il Ministero erogherà al Comune 46 euro al giorno. Proprio in questi giorni si stanno svolgendo i colloqui individuali per ricostruire le loro storie e per cercare di rispondere al meglio ai loro bisogni, per aiutarli a ritrovare una dimensione di ‘normalità’ che forse non hanno mai conosciuto”, aggiunge il vicesindaco.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per le necessità più strettamente materiali (indumenti, scarpe, etc…) è stata allertata tra gli altri anche la Caritas locale che fin da subito ha garantito pieno appoggio all’iniziativa. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, passante insegue un rapinatore in metro e con un pugno lo riduce in coma

  • Incidente a Milano, scontro tra monopattino e auto: cade e sfonda il parabrezza, uomo in coma

  • Milano, paura sul tram: minaccia i passeggeri con un coltello, aveva anche cinque forbici

  • Milano, esplosione in piazzale Libia: è uno chef de rang il 30enne intubato al Niguarda

  • Follia sul bus Atm, "sgridato" per la bici a bordo: sfonda il vetro e aggredisce l'autista

  • Milano, scuola e covid: 4 bimbi positivi, tutte le classi in isolamento (più una educatrice)

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento